IL PRIMO CAMMINO - LA VIA DEL GIOVANE
I coniugi Giacomo d’Alessio e Vienna di Fuscaldo ebbero il loro figlio dopo lunga attesa, per voto fatto a S. Francesco d’Assisi, e perciò, per riconoscenza, gli diedero il nome di Francesco. I pii genitori dovettero ricorrere un’altra volta all’intercessione del Serafico, quando si accorsero che un tumore all’occhio minacciava il loro bambino di cecità perpetua. Promisero allora che, in caso di guarigione, avrebbero fatto indossare al figliuolo per un anno l’abito votivo dei Frati Minori.

Ottenuta anche questa grazia, il piccolo Francesco fu condotto nel Convento di San Marco Argentano, in Val di Crati, dove per un anno intero indossò l’abito dei Minori Conventuali di San Francesco d'Assisi.
In quel sacro ritiro il giovanetto incominciò a manifestare i segni della sua santità e a compiere i primi miracoli, che si ripeteranno poi senza interruzione per tutta la vita.

Il sentiero da Paola a San Marco fu in seguito percorso abitualmente da Francesco, per i suoi spostamenti dal convento paolano a quello di San Marco Argentano, e dai numerosi fedeli, che in diverse occasioni, lo utilizzavano per pellegrinaggi di fede. E proprio su questo sentiero si sviluppa l’itinerario del PRIMO CAMMINO: LA VIA DEL GIOVANE.


Prima Tappa: San Marco Argentano – Cerzeto


Dati tecnici

Difficoltà: Escursionistico (media difficoltà)
Dislivello: 600 m in salita

Lunghezza: 11,750 km
Tempo in cammino: 5,00 h
Quota minima: 426 m slm
Quota massima: 900 m slm

Acqua potabile:
Rifugio Aia del Vento (al km 4,13 - fuori sentiero, seguire indicazioni per rifugio),
Acqua Sant’Elia (7,48 km - sul sentiero).

Comuni

San Marco Argentano, Cervicati, Mongrassano, Cerzeto.


Località di partenza

San Marco Argentano. (426 m slm)


Località di arrivo

Cerzeto. (439 m slm)

Cena in Osteria del circuito Slow Food, distinta per la proposta gastronomica autentica, il rispetto delle materie prime e l’accoglienza.
Pernotto in agriturismo b&b e strutture simili, nel centro storico di Cerzeto.


Punti di interesse

  • La Chiesa della Riforma a San Marco Argentano che ospitò San Francesco di Paola ancora dodicenne;
  • Punto panoramico di Aria del Vento;
  • I castagni secolari di Serra dei Muli;
  • “Il Patriarca di Kroj Shtikàn”, gigantesco castagno millenario;
  • Cerzeto, comune di etnia, lingua e cultura italo-albanese.

Percorso

Il Cammino ha inizio dalla Chiesa della Riforma a San Marco Argentano. Il Complesso Conventuale dei Frati Minori, è una tra le più antiche architetture francescane presenti in Calabria, e pare che sia stato fondato da Pietro Cathin, discepolo e compagno di San Francesco d’Assisi, intorno al 1284. Il complesso sottoposto nel corso del tempo a innumerevoli trasformazioni comprende il convento, la chiesa e gli orti. Oltre al disegno planimetrico e alle volte absidali, dell’impianto francescano restano poche ma significative testimonianze: il portale di ingresso; il campanile a vela; la fiancata destra con le monofore. Dietro l’altare è collocato un coro in legno di castagno, capolavoro d’intarsio e intaglio, risalente al 1554. Tra queste mura, nel 1429, il dodicenne Francesco indossò l’abito dei Minori Conventuali per un anno intero. Si conserva a suo ricordo la grotta in cui egli pregava, sulla quale fu costruita nel 1762 la cappella votiva de “La Benedetta”.

Dalla Riforma, il Cammino muove per i primi 3 km su strade asfaltate, tra le vie del paese, e poi per un breve tragitto sulla Strada Provinciale 94.

Tralasciata la deviazione per l’abitato di Cervicati, si abbandona la Strada Provinciale poco dopo per proseguire in salita, su una stradina sterrata, tra alberi di castagno. Si arriva in località Aria del Vento (787 m slm), in posizione eccezionalmente panoramica sulla Valle del Crati, il Massiccio del Pollino e i Monti dell’Orsomarso.

Continuando lungo la strada, che ore segue il crinale montuoso sopra l’abitato di Mongrassano, ci si immerge in un bosco di castagno sempre più fitto. Giunti in località Agine, al valico del "Malpassaggio" inizia la discesa verso il borgo di Cerzeto. Si attraversa il castagneto sulle falde orientali di Cozzo S. Elia (929 m slm) e arrivati in località Osticano, addentrandosi per un centinaio di metri nel bosco, si può ammirare il Castagno Monumentale denominato “Patriarca di Kroj Shtikàn”. L’età del gigantesco albero, il cui tronco misura più di 11 metri di circonferenza, è stata stimata dagli esperti in oltre 1000 anni.

Dopo una serie di tornanti si ritorna a camminare sull'asfalto. Si arriva in breve tempo a Cerzeto, comune di etnia, lingua e cultura italo-albanese.


Foto



Seconda Tappa: Cerzeto - Rifugio Bosco Cinquemiglia di Fuscaldo


Dati tecnici

Difficoltà: Escursionistico (media difficoltà)
Dislivello: 1090 m in salita

Lunghezza: 17,500 km
Tempo in cammino: 8,00 h

Note: ATTENZIONE! Per chi fa il Cammino in autonomia nessun servizio di ristorazione. Rifornirsi a Cerzeto per gli alimenti della seconda e terza tappa.
Quota minima: 439 m slm
Quota massima: 1260 m slm

Acqua potabile:
Fontana San Nicola (650 m - sul sentiero),
Acqua Sant’Elia (4,22 km - sul sentiero),
Area pic-nic Serra dei Muli (6,55 km - all'interno dell'area),
Acqua del cinghiale (7,85 km - sul sentiero).

Comuni

Cerzeto, Fuscaldo.


Località di partenza

Cerzeto. (439 m slm)


Località di arrivo

Rifugio Bosco Cinquemiglia, località Cinquemiglia, Fuscaldo. (1026 m slm)

Cena nel rifugio di Bosco Cinquemiglia, con prodotti tipici.
Pernotto nel rifugio di Bosco Cinquemiglia (50 posti letto), con stanze e servizi igienici.


Punti di interesse

  • Il Faggio di San Francesco;
  • Riserva Statale Serra Nicolino - Pian d'Albero;
  • Faggio delle Cinque Vie;
  • I faggi secolari del Bosco Cinquemiglia.

Percorso

La seconda tappa del Cammino parte dal paese di Cerzeto. Si sale per Osticano e Cozzo S. Elia ripercorrendo a ritroso gli ultimi chilometri della prima tappa. Giunti in località Agine, al valico del "Malpassaggio", il tracciato segue il crinale in un bellissimo bosco misto di castagni e cerri. Si arriva sulle falde occidentali di Serra dei Muli (1015 m slm) caratterizzate da abeti altissimi, con una prima area pic-nic attrezzata di fontana e griglie.

Continuando ci si immerge in una sontuosa faggeta, con esemplari secolari di faggi dalla bellissime forme.

Più avanti si passa da un’altra area ristoro con la caratteristica fontana di Acqua del Cinghiale, una sorgente con una testa di cinghiale scolpita in pietra, dove l’acqua sgorga tra le zanne dell’animale.

In breve tempo si arriva al rifugio comunale di Cerzeto “Passo della Guardia”, dove si trova un’altra area pic-nic, munita di giochi per bambini e bagni.

Proseguendo, 500 m dopo il rifugio, si giunge all’incantevole Faggio di San Francesco, in un luogo ameno, dove si trova una piccola cappella che ospita la statua del Santo. L’albero ha un tronco che alla base misura circa 6 metri di circonferenza; i tre grossi rami che si dipartono dal tronco, formano un incavo profondo che ancora oggi è sempre pieno d’acqua. Qui i fedeli si raccolgono in una preghiera mistica e carismatica, come succedeva secondo la tradizione, a San Francesco di Paola, quando vi sostava durante i suoi frequenti viaggi, dal suo convento a quello di San Marco Argentano. Secondo la leggenda San Francesco si dissetava con l’acqua conservata tra i rami del faggio.

Dal Passo della Guardia si giunge in località “Cinque Vie”, dove si incontrano altri quattro sentieri che portano a Guardia Piemontese, a Fuscaldo, a Fagnano Castello e al Laghicello di San Benedetto Ullano. In questo incrocio di vie si può ammirare la bellezza di un altro faggio secolare, basso e dalla forma contorta.

Il Cammino prosegue sul sentiero per il Laghicello, passando tra le pendici orientali di Serra Pantanolata (con i suoi 1404 m. la seconda cima più alta della Catena Costiera), dove si estende il vasto Bosco di Cinquemiglia, una faggeta di rara bellezza -tra le più belle ed estese della Calabria-, con alberi monumentali e slanciati.

Proseguendo il cammino in discesa si arriva al Rifugio di Bosco Cinquemiglia, riparo per la notte.


Foto



Terza Tappa: Rifugio Bosco Cinquemiglia – Santuario San Francesco di Paola


Dati tecnici

Difficoltà: Escursionistico (media difficoltà)
Dislivello: 750 m in salita

Lunghezza: 19,750 km
Tempo in cammino: 8,00 h

Note: ATTENZIONE! Per chi fa il Cammino in autonomia nessun servizio di ristorazione. Rifornirsi a Cerzeto per gli alimenti della seconda e terza tappa.
Quota minima: 167 m slm
Quota massima: 1389 m slm

Acqua potabile:
Fontane al Rifugio, (segui le scalette sotto la staccionata),
Fontana al Laghicello (2,18 km - sul sentiero),
Fontana di ‘Ntrunat’ (13,85 km - fuori sentiero, 30 m a sinistra).

Comuni

Fuscaldo, San Benedetto Ullano, Montalto Uffugo, Paola.


Località di partenza

Rifugio Bosco Cinquemiglia, località Cinquemiglia, Fuscaldo. (1026 m slm)


Località di arrivo

Santuario San Francesco di Paola. (170 m slm)


Punti di interesse

  • Laghicello, un suggestivo specchio d’acqua naturale, nel quale sopravvive il raro Tritone Alpino;
  • Cozzo Cervello, la terza cima più alta della Catena Costiera, punto panoramico sulla Valle del Crati;
  • Croce di Paola e Montalto, crocevia percorso da San Francesco di Paola per raggiungere Montalto Uffugo. Qui come segno di devozione verso il Santo Paolano è stata eretta una statua in bronzo, a grandezza naturale.
  • Santuario di San Francesco di Paola.

Percorso

L’ultima tappa, la più lunga, parte dalla Caserma Forestale nel Bosco di Cinquemiglia. Per i primi 2 km si procede sulla Strada Provinciale 31 (Fuscaldo-Montalto Uffugo), lasciandola nei pressi del Laghicello.

Si prende una stradina sterrata, che dopo poco decine di metri conduce al piccolo ma suggestivo specchio d’acqua naturale de Il Laghicello (1135 m slm), contornato da un bel bosco di faggi, nel quale sopravvive il raro "Tritone Alpestre Inaspettato". La sottospecie "inexpectatus" di Tritone Alpino è presente solo in cinque località situate sulla Catena Costiera e in nessuna altra parte del mondo. La popolazione è in continuo declino a causa dell'evoluzione naturale degli habitat (interramento). Inoltre i pochi siti noti sono potenzialmente minacciati dall'eventuale immissione di pesci o altra fauna acquatica alloctona. Per queste ragioni la sottospecie viene valutata In Pericolo.

Proseguendo sulla sterrata si attraversa Serra di Ceccio (1227 m slm) e poi, portandosi direttamente sul crinale, si arriva sulla vetta di Cozzo Cervello (1389 m slm) la terza cima più alta della Catena Costiera. Da qui si gode di un magnifico panorama sulla costa tirrenica e sulla valle del Crati.

Inizia ora la discesa, in una suggestiva faggeta, che porta al crocevia della "Croce di Paola e di Montalto" (1158 m. slm). Questo, secondo la tradizione, è il valico che veniva percorso da Francesco per raggiungere Montalto Uffugo. Qui, come segno di devozione verso il Santo Paolano, è stata eretta una statua in bronzo a grandezza naturale.

Scendendo di quota, i faggi vengono sostituiti da abeti e da pini marittimi e successivamente da pietraie con macchia mediterranea, erica, agrifoglio e saggina. Lo sguardo comincia a spaziare sulla costa tirrenica, sull’abitato di Paola e sui tetti del Santuario, riconoscibile a distanza. Nell'ultimo tratto il sentiero scende nel greto del Torrente San Francesco, attraversa zone coltivate raggiungendo infine il Santuario di Paola.

La basilica antica del Santuario di San Francesco di Paola, in stile tardo rinascimentale, risalente al XVI secolo, è composta da un'ampia aula principale piuttosto spoglia e da un'unica navata laterale a destra che ha il suo culmine nella sontuosa cappella barocca che custodisce alcune reliquie di San Francesco. Nel chiostro del santuario, chiuso verso l'esterno con vetrate, si trova il roseto del Santo, che costituisce oggi un folto giardino, e ospita lungo le sue pareti interne affreschi raffiguranti i principali episodi della vita del santo.

Adiacente ad esso è il romitorio di San Francesco, un insieme di angusti spazi sotterranei che costituirono il primo oratorio con le relative cellette per Francesco e per i suoi primi tre seguaci. Poco distante da qui, sull’altra sponda del Torrente Isca, vi è un luogo ancora più antico: La Grotta della penitenza o del deserto, un piccolissimo antro scavato nel tufo. Qui il giovane Francesco, iniziò la sua vita eremitica, nella preghiera, nella penitenza e nel lavoro manuale. Aveva poco più di 14 anni e vi dimorò per cinque anni.


Foto



Il Testimonium

Il Testimonium è un documento che certifica l’avvenuto pellegrinaggio al Santuario di San Francesco di Paola. È il corrispettivo della “Compostela”, che si ottiene al compimento del Cammino di Santiago. Nella tradizione storica questa pergamena era importantissima perché il pellegrino, tornato a casa, poteva dimostrare che il pellegrinaggio era compiuto e il voto sciolto.

Una volta arrivati al Santuario di Paola, verrà consegnato il Testimonium e timbrato dall’Ordine dei Minimi di San Francesco.